Gli appuntamenti

  • Ordinazione presbiterale di Antonio Dell'Aquila, Roberto Lonoce e Marco Stasi

    Oria, 2 settembre 2017 - ore 20.00 - Chiesa di San Giovanni Paolo II

NOTIZIE E COMUNICATI

Diocesi

Santuario

Dichiarazione circa il trasferimento dei sacerdoti dell'Ordine dei Servi di Maria

In riferimento al notiziario di “TG Norba 24” andato in onda nella giornata di lunedì 9 aprile 2018, durante il quale veniva data la notizia del trasferimento del rev. p. Gabriele Meccariello e del rev. p. Leonardo Dimagli, sacerdoti dell’Ordine dei Servi di Maria, da Manduria ad altra destinazione per disposizione del Vescovo di Oria, la Diocesi di Oria diffonde il presente comunicato alla stampa nel solo ed unico intento di rendere informati della verità dei fatti i telespettatori della predetta rete televisiva e i fedeli della comunità cristiana di Manduria, riferendo tali fatti così come sono allo stato e non come sono stati raccontati in quella e in altre trasmissioni nonché sui social network.

I due sacerdoti in questione, essendo religiosi, dipendono canonicamente dal loro Superiore, il Priore provinciale, il quale – secondo un preciso organigramma della Provincia dell’Ordine – stabilisce la comunità religiosa in cui un frate dovrà svolgere la propria missione. Tale organigramma della Provincia religiosa deve avere l’approvazione del Consiglio provinciale religioso.

Il trasferimento di p. Gabriele e di p. Leonardo era già stato deciso dalla Provincia religiosa diversi mesi addietro, dopo numerose consultazioni informali degli stessi frati. Ne sono prova i decreti del Priore provinciale dei Servi di Maria che stabiliscono la destinazione dei due frati (Prot. 154/2018 e Prot. 155/2018), nei quali si dice che i due frati erano già stati canonicamente consultati durante il Consiglio provinciale del 6 febbraio 2018.

La guida della parrocchia di San Michele Arcangelo in Manduria, giusta convenzione della Diocesi di Oria con la Provincia religiosa dei Servi di Maria, è stata affidata per tanti anni a un parroco scelto tra i frati dell’Ordine dei Servi di Maria e indicato dal Priore provinciale al Vescovo diocesano.

Poiché la Provincia religiosa dei Servi di Maria non era nella momentanea condizione di incaricare un frate cui affidare il servizio di parroco, il Vescovo di Oria, per garantire l’azione pastorale della Parrocchia e la Legale Rappresentanza della stessa, in data 9 ottobre 2017 ha nominato nel frattempo Amministratore parrocchiale il rev. don Dario De Stefano, già da tempo Vicario foraneo di Manduria. Tale nomina si rendeva necessaria non per interessi economici, come è stato da più parti sostenuto, ma per garantire la cura pastorale dei fedeli e la Legale Rappresentanza della Parrocchia, almeno finché non fossero giunte ulteriori indicazioni da parte della suddetta Provincia.

Da tutto quanto sopra indicato, si chiarisce in modo definitivo che i due frati sono stati trasferiti ad altre sedi dal Priore provinciale, come già da tempo stabilito e comunicato agli interessati.

È inoltre necessario chiarire che la proprietà degli immobili in uso alla parrocchia di San Michele Arcangelo in Manduria è – e rimane – nella disponibilità della Provincia dei Servi di Maria e che nessun trasferimento di beni è mai stato ipotizzato nei vari incontri dei due Ordinari, il Priore provinciale e il Vescovo di Oria.

In riferimento alle interviste mandate in onda dal servizio giornalistico televisivo di "TG NORBA 24", si precisa che la Diocesi di Oria ha deciso di adire le vie legali quale conseguenza di diverse dichiarazioni diffamatorie rilasciate, al fine di tutelare la propria dignità istituzionale e quella personale del proprio Vescovo nonché per custodire la serenità della locale comunità cristiana.

La Diocesi di Oria ritiene di non dover rilasciare ulteriori dichiarazioni al riguardo.

Pubblicato il: 11.04.2018

Ufficio Scuola

Ufficio IRC

Prova di idoneità IRC nella Diocesi di Oria

Pubblichiamo di seguito la procedura e le indicazioni inerenti la prova di accertamento dell'idoneità all'insegnamento della Religione Cattolica nella Diocesi di Oria, oltre ad una lettera del Servizio Nazionale per l'Insegnamento della Religione Cattolica della Conferenza Episcopale Italiana.

Pubblicato il: 28.03.2018

Ufficio Scuola

Ufficio IRC

IRC: Modello per l'Indagine Statistica CEI sugli alunni avvelentisi e non avvalentisi - a.s. 2017/2018

Si prega ciascun Docente di Religione Cattolica di scaricare l'allegato modello per l'Indagine Statistica Nazionale della CEI sugli alunni Avvalentisi e Non avvalentisi per l'anno scolastico 2017/2018.
Il modello è compilabile direttamente al computer, mediante il software gratuito Adobe Acrobat Reader DC©, oppure a penna. In entrambi i casi il modello compilato va rispedito in formato PDF alla mail irc@diocesidioria.it entro e non oltre il 28 febbraio 2018.
Ogni docente deve compilare un modulo per ogni Istituto in cui insegna (es. 1° Istituto comprensivo di… // 2° Istituto comprensivo di…) e un modulo per ogni ordine scolastico diverso (Infanzia… // Primaria… - Secondaria di 1° grado … // Secondaria di 2° grado ….).
Per gli Istituti secondari di 2° grado si specifichi il TIPO (Liceo, Ist. tecnico, Ist. Professionale ecc.). Il codice della scuola sia desunto dalle Segreterie.
Si prega di far coincidere i numeri relativi a ogni voce con il totale.

Pubblicato il: 19.02.2018

Santuario

Santuario

Calendario 2018 delle celebrazioni al Santuario di San Cosimo alla Macchia

Da predisporre

Pubblicato il: 12.04.2018

Vescovo

Stemma Mons. Pisanello

"Fate delle vostre chiese una casa" - Progetto Pastorale Diocesano sull'iniziazione e la vita cristiana

Pubblichiamo, di seguito, il testo integrale del Progetto Pastorale di S.E. Mons. Vincenzo Pisanello sull'iniziazione e la vita cristiana nella diocesi di Oria:


Image

"L’esperienza ecclesiale della nostra Diocesi di Oria continua nel suo cammino e procede con la grazia di Dio e con la testimonianza viva e audace di tanti uomini e donne di buona volontà. Siamo giunti ad un momento in cui però abbiamo bisogno tutti quanti, clero e laici, di fare decisivi passi in avanti.

È perciò necessario:
a) delineare dapprima alcuni tratti esistenti del nostro tessuto ecclesiale;
b) mettere in luce le priorità;
c) offrire, alla luce di quanto emerso in tutte le
esperienze ecclesiali sin qui vissute, alcune piste che con gradualità possano abituarci al cambiamento;
d) indicare alcune proposte di carattere generale che ciascuno è chiamato a misurare con la propria realtà;
e) stabilire un percorso programmato e verificabile.

Innanzitutto desidero mettere in evidenza che quando s’intende realizzare un progetto di vita occorre fare un buon discernimento perché l’investimento sia fruttuoso. Così, dovendo mettere mano al progetto ecclesiale che coinvolge tutta la nostra Chiesa locale, occorre stabilire un percorso prossimo all’ottimo. È perciò necessario fissare alcune tappe fondamentali. […]"

FACEBOOK

TWITTER

Servizio Informatico Diocesano © 2017